Criptovaluta basata su uno smart contract

Articolo scritto da Luca Vignali il 12/02/2018

Il concetto di Criptovaluta matematica

Una criptovaluta, per considerarsi tale, deve soddisfare in pieno almeno questi principi:

  • deve esprimere un valore numerico

  • deve essere divisibile

  • deve essere trasferibile

  • non deve essere volatile

  • deve essere generata in un numero finito di modi equivalenti fra di loro

Le famose criptovalute quali Bitcoin, Ethereum o altre minori, hanno tutte le caratteristiche sopra indicate ed in particolare hanno una meccanica algoritmica per la generazione del conio basata sulla capacità competitiva computazionale degli attori che sono depositari delle informazioni della moneta stessa, i cosiddetti “miners”.

Smart contract

Uno smart contract è un’applicazione che risiede su tutti i computers dei miners, è dormiente ed è in grado di essere invocata se se ne conosce il suo indirizzo e se si verificano alcune condizioni previste dall’applicazione stessa, la sua particolare conformazione fa si che uno smart contract è in grado di compiere, in autonomia, determinate azioni senza subire alterazioni dall’esterno, questo lo rende un valido sistema di disintermediazione poichè se opportunamente programmato, uno smart contract è in grado di eseguire un’azione se e solo so se vi è una determinata transazione economica.

Criptovaluta con controvalore certificato

Questo documento descrive la meccanica da attuare affinchè si possa ottenere una criptovaluta generata attraverso uno smart contract e non attraverso una competizione algoritmica, pur conservando i principi base e le peculiarità di una criptovaluta.

Controvalore

La criptovaluta basata su uno smart contract ha, a supporto del suo valore, un controvalore in un altra moneta detta “moneta madre”, utilizza uno o più conti di appoggio nella moneta madre e uno smart contract a garanzia della generazione e della gestione  del cripto-conio.

In particolare devono esistere delle automazioni disintermediate affinchè per ogni valore depositato nel conto della moneta madre, in valuta madre,lo smart contract genera e trasferisce la proprietà di questo valore in cripto moneta,a colui che ha effettuato il trasferimento in moneta madre.

Allo stesso modo devono esistere delle automazioni affinchè il cripto-conio esistente possa essere riconvertito in moneta madre, in questo caso la proprietà del cripto-conio deve essere trasferita allo smart-contract stesso che ne distrugge il cripto valore e dispone un trasferimento della moneta madre verso un conto indicato dal soggetto che dispone dell’operazione.

 

Banca di appoggio per lo smart contract

Le caratteristiche che deve avere una banca affinchè possa supportare la generazione del conio tramite smart contract sono le seguenti:

  • predisporre uno o più conti correnti in valuta legale (Euro, Dollaro,ecc….)

  • disporre di una tecnologia in grado di notificare tutti gli eventi legati al trasferimento del denaro dei conti sopra indicati, tramite protocolli standard come chiamate REST o invio di notifiche push

  • erogare una tecnologia dispositiva affinchè sia possibile effettuare trasferimenti di denaro Server2Server, ovvero senza l’intervento di uno o più esseri umani.

 

Ciclo di funzionamento attivo: trasformazione della moneta madre in cripto-conio

Il soggetto che è interessato a convertire una determinata ed accettata moneta in cripto-conio, dovrà trasferire del denaro ad uno dei conti suddetti, l’architettura informatica bancaria deve essere in grado di propagare questo evento, unitamente ai dettagli del pagamento stesso, verso una destinazione pre-determinata e certificata (interfaccia delo Smart Contract) che genera e trasferisce istantaneamente il controvalore al mittente del pagamento.

Ciclo di funzionamento passivo: trasformazione del cripto-conio in moneta madre

Il soggetto che è interessato a convertire il suo valore posseduto in cripto-conio verso una determinata ed accettata moneta, dovrà trasferire la sua proprietà allo smart contract che ne distruggerà il valore e disporrà un trasferimento di denaro equivalente da uno dei conti a disposizione verso il conto indicato dal dispositore dell’operazione.

Tale disposizione deve essere Server2Server e deve essere quindi autorizzabile senza l’intervento umano.

 



Adamantic

Roma (RM) Italy
via Barletta 29 00194

P.Iva : IT14476511002

Contattaci